rubriche viaggiare

10 località italiane da visitare in primavera

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

È arrivata ormai la primavera e con sé ha portato clima mite e giornate soleggiate. Quale momento migliore di questo per concedersi una vacanza? Se siete alla ricerca non delle solite mete turistiche, ma di luoghi insoliti e ugualmente affascinanti, ho qui quello che fa per voi! Continuate nella lettura per scoprire quali sono le località italiane che ho selezionato.

  • Scicli (Sicilia)

scicli

In provincia di Ragusa, troviamo Scicli, un piccolo paesino che sembra scolpito nella roccia. Le abitazioni e i monumenti in pietra calcarea si confondono con il paesaggio circostante, quello dei monti Iblei, creando uno scenario di grande impatto. Passeggiando per le vie del centro storico, si possono notare tracce dello stile barocco, visibili soprattutto nelle facciate delle chiese e dei palazzi. Ma Scicli non è solo arte e architettura, anzi: è l’ideale per gli amanti della natura e per gli appassionati di trekking, che possono passeggiare tra i colli circostanti o esplorare la Riserva del fiume Irminio. Chi la visita può godere del suo clima perfetto e del buonissimo cibo che la sua cucina tipica offre, insomma un vero e proprio gioiellino nel cuore della Sicilia.

  • Bosa (Sardegna)

bosa

Si tratta di uno dei borghi più pittoreschi d’Italia, sito nella costa occidentale della Sardegna, in provincia di Oristano. L’immagine che più resta impressa di Bosa è quella del suo quartiere storico, fatto di case colorate addossate l’una all’altra sulle pendici del colle di Serravalle. Più in alto, sullo stesso colle, si può raggiungere il castello di Malaspina, da cui si ha una visuale completa della cittadina. Bosa è attraversata dal Temo, l’unico fiume navigabile in Sardegna, che offre la possibilità di passeggiare lungo le sue sponde, alla scoperta delle tradizioni del borgo, in particolare delle antiche concerie, testimoni di un passato segnato dall’artigianato. Nei dintorni sono presenti bellezze costiere tra cui Bosa Marina, nei pressi della foce del Temo, e varie spiagge che fanno parte del parco biomarino di Capo Marrargiu, luogo perfetto per gli appassionati di birdwatching.

  • Barrea (Abruzzo)

barrea

Barrea, uno dei centri principali del Parco Nazionale d’Abruzzo, domina la splendida valle del lago omonimo, nato dallo sbarramento sul fiume Sangro. Il fascino del borgo sta soprattutto nell’impianto viario, fatto di stradine in salita, piazzette e slarghi su cui affacciano case di pietra. Va visitato il Castello Medievale, un tempo considerato inespugnabile per la sua posizione, da cui si gode di una veduta panoramica spettacolare, che consiglio soprattutto agli amanti della fotografia. Oltre al castello, ci sono vari punti nel paese da cui si possono osservare scorci di paesaggio, come ad esempio il belvedere. Barrea è l’ideale per chi è alla ricerca di tranquillità, aria pulita e bei paesaggi naturali.

  • Trani (Puglia)

trani

Luogo-simbolo della città affacciata sull’Adriatico è sicuramente il porto turistico, che ne ha permesso lo sviluppo economico e culturale. Da qui sono facilmente raggiungibili a piedi il Fortino e la Villa Comunale, dove si può passeggiare liberamente respirando l’aria di mare. Sempre a pochi passi dalla costa, l’edificio che attira fin da subito l’attenzione dei visitatori è però la maestosa Cattedrale. Questa si trova in un piazzale sgombro, lontano da altre costruzioni: la sua posizione particolare la mette ancor di più in risalto. Il tufo calcareo con cui è costruita, tipico di Trani, riflette la luce del sole e contrasta con l’azzurro del mare, creando un’atmosfera davvero suggestiva.

  • Malcesine (Veneto)

malcesine

Questo caratteristico borgo, scelto anche dal pittore Gustav Klimt come soggetto di una delle sue opere, si trova tra il lago di Garda e il monte Baldo, a cui è connesso tramite una funivia. Malcesine è un paesino di impianto medievale, costruito intorno al Castello Scaligero, che con la sua torre lo domina dall’alto. Il suo centro storico appare come un intreccio di vicoli, salite e discese su cui affacciano le case, addossate l’una all’altra. La presenza del porto e le peculiarità dell’architettura delle case lo fanno sembrare a tratti un borgo marinaro, ma basta guardarsi intorno per notare il paesaggio montuoso in cui è immerso. È proprio questo contrasto a rendere Malcesine così affascinante.

  • Atrani (Campania)

Atrani è un piccolo comune della provincia di Salerno, situato vicino la più nota Amalfi. È stato forse l’unico paese della Costiera Amalfitana ad aver mantenuto il suo carattere di tipico borgo di pescatori, con i suoi vicoletti, archi, cortili, le sue piazzette e le caratteristiche “scalinatelle”. Il vero e proprio centro del paesino è la piazza, da cui si accede direttamente alla spiaggia, ovviamente a piedi: per farlo, si sfrutta ancora l’antico passaggio creato per proteggere le barche dalle mareggiate. La spiaggia è raccolta e protetta ed è il punto da cui, la sera, partono le lampare per la pesca. Di notte, i punti luminosi delle lampare in mare creano una bellissima visione del Mediterraneo.

  • Ferrara (Emilia Romagna)

ferrara

Spesso definita “città delle biciclette” per la sua vivibilità e l’atmosfera rilassata che vi si respira, Ferrara è una splendida città d’arte situata nella pianura emiliana, a pochi km dal fiume Po. Camminando per le sue strade, si nota subito il suo carattere di capitale del Rinascimento e si riesce ad immaginare il suo glorioso passato, reso tale soprattutto dagli Estensi. Tra i principali monumenti della città va infatti segnalato il Castello Estense, antica residenza dei duchi, oltre alle numerose chiese, musei e palazzi presenti. Da non perdere: un giro in bicicletta sulle mura rinascimentali, che hanno mantenuto quasi intatto il loro aspetto originario; mura che sono sfruttate dagli stessi Ferraresi, e non solo, anche come parco dove fare jogging o semplicemente passeggiare.

  • Monterosso (Liguria)

Nella provincia di La Spezia, sulla costa tra Punta Mesco e Punta di Montenero, si trovano le Cinque Terre, ovvero cinque borghi dei quali Monterosso è quello più a ovest. Monterosso si trova nel mezzo di una conca naturale che si affaccia su di una piccola insenatura, tutto intorno è circondato da colline dove alberi di limoni, viti e ulivi sono coltivati a terrazzamenti e sembrano quasi terminare nel mare. Il bellissimo paesaggio contribuisce a rendere questo posto tranquillo e rilassante, prima che sia preso d’assalto dai turisti nella stagione estiva. Oltre alle visite ai monumenti e alle spiagge, vale la pena di fare delle escursioni in montagna e in collina, tra sentieri a picco sul mare che offrono vedute mozzafiato.

  • San Gimignano (Toscana)

È uno dei più affascinanti borghi medievali toscani: quando lo si visita sembra di fare un tuffo nel passato, infatti è rimasto quasi intatto dalla fine del trecento ad oggi. Appena si arriva verso San Gimignano, non si può fare a meno da notare già da lontano quelle che sembrano delle torri. Si tratta di vere e proprie case torri, uno degli elementi caratterizzanti di questo borgo. Delle 70 del Medioevo, oggi ne restano solo 13. Uno degli ingressi del borgo è Porta San Giovanni: attraversandola ci si immette nella via che segna l’inizio del tratto urbano della via Francigena, via che connetteva Canterbury e Roma e veniva percorsa da migliaia di pellegrini. Oltre che per il fascino dell’atmosfera del borgo, San Gimignano è molto apprezzata anche per i bellissimi paesaggi delle campagne circostanti e per i prodotti da esse ottenute, in particolare i rinomati vini.

  • Urbino (Marche)

urbino

Immerso nelle colline del Montefeltro, terra ancora selvaggia rispetto ad altre zone delle Marche, troviamo un luogo magico: si tratta di Urbino. È una città ricca di storia, di cui sono testimoni gli edifici rinascimentali, ma è anche il posto ideale dove poter trascorrere giornate tra natura e gastronomia. Caratteristica comune alle strade del centro storico è la presenza di numerose salite e scalinate, che però vale la pena percorrere per la bellezza di ciò che c’è intorno. Merita una visita, tra i vari monumenti, il Palazzo Ducale, che ospita opere di celebri artisti Italiani come Raffaello e rende Urbino un vero e proprio centro culturale.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply